Come Funziona il WiFi

Il WIFI per molti è un vero cruccio: per chi vorrebbe usarlo ma incontra difficoltà, per chi non riesce a destreggiarsi tra access point, router, bridge, extender e via dicendo e per chi semplicemente non ha voglia di metter le mani “nella marmellata”. Con il WIFI si possono fare molte cose, è una tecnologia davvero comoda, ma padroneggiarla non è così semplice e a volte può creare qualche frustrazione.

Quello che c’è da premettere, proprio per non arrivare a questi livelli di frustrazione, è che il WIFI non è una scienza esatta. Come tutto quello che viene trasmesso nell’etere, risente di interferenze e ostacoli fisici e/o elettromagnetici. Pensate soltanto a quanti anni ci sono voluti per arrivare a una rete cellulare stabile e affidabile come quella attuale. Questo perché l’etere non è un mezzo trasmissivo facile da domare.

Se abitate in un palazzo con diverse reti WIFI, sappiate che il pericolo di incontrare problematiche non risolvibili con la semplice teoria è più che concreto, anzi addirittura probabile. Detto questo, andiamo a dare due nozioni basilari:

Il WIFI è nient’altro che un protocollo per la trasmissioni di dati nell’etere. Come abbiamo detto nella prima parte della guida, sostituisce in tutto e per tutto il cavo. Niente di più, niente di meno. Qualcuno si domanderà allora a cosa servono le lettere che spesso accompagnano la sigla WIFI (o la sua traduzione più tecnica, ovvero la sigla “802.11” relativa allo standard IEEE). Magari avrete notato le lettere a/b/g/n anche sui nuovi smartphone. Le lettere identificano i vari standard di velocità che nel tempo si sono succeduti. Più lettere saranno presenti dopo la sigla, più standard di velocità supporterà il dispositivo WIFI che stiamo utilizzando.
Il WIFI può trasmettere su 13 canali. Questi canali servono proprio a cercare di aggirare problemi di interferenze con altre reti. E’ bene saperlo in caso di problemi derivanti da situazioni d’affollamento, tuttavia consiglio di far operare il cambio di canale da una persona che abbia un po’ di pratica con la configurazione degli apparecchi. Per dettagli è possibile vedere questa guida sul router WiFi sul sito Modemrouterwifi.com.
Normalmente, è molto probabile che il router che avete in casa sia già un ROUTER WIFI, ovvero che abbia integrato anche un ACCESS POINT. Cos’è l’ACCESS POINT? Come dice il termine, è un punto d’accesso alla rete. Ovvero è quel dispositivo che trasforma il segnale che normalmente passa sul cavo di rete, in un segnale trasportato dall’aria.

L’ACCESS POINT, in altri termini, riceve i dati provenienti da un dispositivo come il vostro smartphone e lo trasforma in un cavo che entra direttamente nel vostro ROUTER. Provate a immaginarlo proprio come se fosse un ponte radio tra il ROUTER e il dispositivo che avete nelle mani. Esiste un altro dispositivo che opera una trasformazione del genere e ne facciamo già un breve accenno perché presto ci tornerà utile: il POWER LINE ADAPTER.

Cos’è POWER LINE ADAPTER? E’ un dispositivo con la stessa logica dell’ACCESS POINT, ma con la differenza che, al posto di trasformare il segnale del cavo di rete in un segnale che viaggia sull’etere, lo trasforma in un segnale trasportato dall’impianto della corrente elettrica. Inserendo una coppia di adattatori POWER LINE nelle prese della correte in due estremità della casa, potrò far viaggiare il segnale di rete attraverso l’impianto della corrente. Da questi adattatori escono poi due cavi di rete, che potrò usare come meglio credo. Per esempio mettendone uno nel ROUTER e l’altro, posizionato all’altra estremità della casa, nel mio PC. Così facendo ho portato la mia rete dati da una parte all’altra della casa senza usare il WIFI. Ci sarà utile, ne parleremo tra poco, in tutti quei casi dove non è opportuno, o non è possibile, raggiungere una zona remota della casa tramite WIFI.

Prendiamo per esempio il caso di una taverna o un garage, dove spesso la soletta del soffitto/pavimento è molto spessa e non si riesce a penetrarla facilmente con un segnale radio (intendiamo sempre il nostro caro WIFI). In questi casi è sbagliatissimo ricorrere ad antenne WIFI molto potenti, a router multi-antenna o ancora a router che supportano standard più performanti. Si rischia soltanto di avere un’altissima potenza di emissione di onde radio nella zona dov’è presente l’antenna e comunque un segnale insufficiente dove serve arrivare. L’ostacolo infatti, come il pavimento o un muro particolarmente spesso, abbatterà comunque il segnale, sia esso molto potente che molto performante. In questi casi è consigliabile arrivare nella zona desiderata tramite impianto elettrico, ovvero tramite adattatori POWER LINE, che non risente dei problemi derivanti dagli ostacoli. Poi, se avrò bisogno del WIFI nella zona raggiunta, potrò usare all’uscita dell’adattatore POWER LINE un comune ACCESS POINT.

Facciamo un esempio concreto:

Ho il router all’ingresso del piano terra e voglio portare il wifi in taverna (piano interrato) e in mansarda (primo piano). La cosa migliore che posso fare è comprare due coppie di adattatori POWER LINE e due ACCESS POINT. Le due coppie di adattatori POWER LINE li collegherò al ROUTER e alle prese della correte della taverna e della mansarda. Così facendo, avrò portato la rete cablata in entrambi i posti senza difficoltà. Agli adattatori POWER LINE collegherò, tramite il cavo di rete che esce dagli stessi, gli ACCESS POINT. Così avrò creato la mia rete WIFI localmente negli ambienti che mi interessa connettere. Così avrò il WIFI in tutti e tre i piani, con una potenza e una copertura di segnale ottimale senza vivere la frustrazione dell’abbattimento di segnale che sicuramente il pavimento avrebbe determinato.

Se avessi preteso di coprire tutto tramite WIFI, sicuramente non avrei raggiunto comodamente tutti gli angoli degli ambienti, con una copertura a macchia di leopardo e con prestazioni molto basse.

La configurazione di tutto questo può sembrare complesso ma in realtà non lo è. Sempre più spesso infatti, questi dispositivi sono auto-configuranti. L’unico inconveniente che potreste incontrare, nella configurazione degli ACCESS POINT, è il fatto di doverli adeguare alla configurazione della vostra rete tramite l’indirizzo IP di cui abbiamo parlato nella prima parte della guida. Ma questo, oltre ad essere un caso raro, è facilmente risolvibile proprio leggendo la prima parte della guida.

E’ comunque un caso raro, si diceva, perché nel 90% dei casi basta acquistare un comune ACCESS POINT, collegarlo al ROUTER, connettersi alla rete WIFI col nome che normalmente è scritto sul manuale o su un’etichetta attaccata sotto l’ACCESS POINT, indicare la password anch’essa fornita negli stessi posti e il gioco è fatto. Anche se l’ACCESS POINT avrà una configurazione IP differente da quella che ho adottato nella mia rete non importa, in questo caso infatti il dispositivo lascerà passare il traffico dati senza ostacolarlo pur essendo configurato diversamente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll To Top